thunderstormthunderstrong

[eng] “No creature stands alone. The air is the breath of the forest that has been going on since thousands of years. And the plants are the breath’s figures, provisional incarnations of substances that wander in the air. There is carbon and the lightning of electrons and there i woman, the cat, the ant. Each one of us is an ephemeral aggregate made of the life’s bricks: rather than coming from a sexual intercourse, we are the sons of the conversation between things.” (Franco Arminio, my trans.)

And today as I ate lunch made of biodynamic Australian rice flavoured with organic carrots and bokchoy from the coop of food that comes from local lands face to face with a bearded dragon lizard waiting for anything that might fall off my fork while speedy ants strolled on its looks like rough skin the wind warned me that a storm was coming and the smell of eucalyptus became intense humid. I was scared before as the water poured down like I had seldom seen in my life. “I think that the root of the wind is water” (Emily Dickinson)

[ita] “Nessuna creatura è un caso a parte. L’aria è il respiro della foresta che va avanti da milioni di anni. E le piante sono figure del respiro, incarnazioni provvisorie delle sostanze che vagano nell’aria. C’è il carbonio e il lampo degli elettroni e c’è la donna, il gatto, la formica. Ognuno di noi è un aggregato effimero fatto con i mattoni della vita: più che di un amplesso, siamo figli della conversazione tra le cose.” (Franco Arminio)

E così mentre oggi mangiavo il pranzo composto da riso biodinamico australiano condito con carote e bokchoy biologici della cooperativa del cibo che viene dalle terre locali faccia a faccia con un lucertolone chiamato bearded dragon in attesa di un qualcosa che cascasse dalla mia forchetta mentre formiche rapide passeggiavano sulla sua pelle che sembra ruvida il vento mi ha avvisata che stava arrivando un temporale e l’odore di eucalipto si faceva intenso umido. Ho avuto paura prima mentre l’acqua scendeva come poche volte avevo visto in vita mia. “Penso che la radice del vento sia l’acqua” (Emily Dickinson, mia trad.)

Foto: Martina Lepori

Ni la tierra, nI las mUjeres somos territorio de CoNquistA

“I strolled past the Bauhinia tree one hot summer’s day a few years ago, and so quickly it caught my gaze and my thoughts. What a place to be and meditate on a quiet afternoon! I think of it often, and have planned to visit many times, but I never get there. Maybe this year I will visit my tree, where I can spend those lonely hours contemplating and praying. I think of the sandy creek bed where it grew from a seed. How did it manage to establish its roots after so many floods threatened to wash away its very foundations?” The Bauhinia Tree, The life of Kankawa Nagarra Olive Knight

[eng] One month ago a blockade was started at Deebing Creek, against housing development between Springfield and Ipswich on sacred and mourning Aboriginal land. As I woke up that morning, I strolled down to the Bunya pine tree on a not-yet-so-hot summer’s day. I stood in front of it and wondered how many people it had sensed throughout its life. I talked to it and asked: what could you tell me about the mission times? A persistent sense of melancholy permeated the peaceful beauty around us. What if this place disappeared? I think of Earth where it grew from a Seed. Will they manage to keep grounded after so many conquests?

[ita] Un mese fa è iniziata una protesta a Deebing Creek, contro lo sviluppo edilizio tra Springfield ed Ipswich su terra aborigena, sacra e di lutto. Appena sveglia quella mattina, son scesa giù verso il pino Bunya in un giorno ancora non così caldo. Mi son piantata di fronte, chiedendomi quante persone avesse percepito durante la sua vita. Gli ho parlato e chiesto di raccontarmi qualcosa dei tempi della missione. Un costante senso di malinconia si percepiva nella bellezza attorno a noi. E se questo luogo scomparisse? Penso alla Terra da cui è cresciuto da un Seme. Riusciranno a restare stabili dopo tante conquiste?

These pages for updates and donations: Yuggera Ugarapul Tribal Elders and Save Deebing Creek Mission

 

Balance

Bad bad bad
why do we like this word
so bad?
I ear of the disappearing trees
and same goes for the bees
I ear there is no more this
there is no more that
like those scary hanging bats.
“No racism, no fear”
this I also ear,
but racism is bad
fear is bad.
Shh_listen up!
I see the bees buzzing
in the eucalyptus tree
I looked, a bird ate a butterfly
before my eye.
That is good
good
good enough for you?

The story of my life

[ita] Tempo fa ho letto un libro circa un cammino per la libertà personale. Che ci credessi o meno, sin dall’inizio mi ha tenuta incollata. Sarà stata la semplicità  del messaggio, o magari le migliaia di ripetizioni che diventavano un mantra. Oppure sono già sul cammino e quindi più ricettiva. Chissà. Ad ogni modo, il libro parla di quattro accordi (4A) che dovremmo imparare a fare con noi stesse/i per vivere una vita migliore e più soddisfacente in quanto a libertà interiore.

Eccoli qui:
-essere impeccabile con la parola;
-non prendere niente sul personale
-non assumere;
-fai sempre del tuo meglio.

Anche se questa non è una recensione letteraria del lavoro di Don Miguel Ruiz (1997), di sicuro è un punto d’inizio letterario. C’è una cosa che questi accordi hanno in comune: considerano la lingua ed il pensiero come il principio di una consapevolezza che può cambiare le azioni.

[eng] Some time ago I read a book about a path to personal freedom. Whether I believed it or not, from the start it got me hooked. I guess it was the simplicity of its message, or perhaps the thousands of repetitions that eventually sounded like a mantra. Or maybe I am already on that path, hence I was more receptive. Who knows. Anyway, the book tells of four agreements (4A) that we should learn to make with ourselves in order to live a better, more fulfilling life of self-freedom.

Here they are:
– be impeccable with your word;
– don’t take anything personally;
– don’t make assumptions;
– always do your best.

Although this is not a literary review of Don Miguel Ruiz’s work (1997), it is certainly a literary starting point. There is one thing that these agreements have in common: they all consider language and thought as the beginning of a consciousness that can change actions.

[ita] Ecco ciò che penso: dato che la frase precedente riflette l’affermazione base della mia tesi di dottorato (ovvero parola ed azione che vanno di pari passo creano cambio sostenibile), applichiamo i 4A a questo blog del progetto Echoes of Ecologies che ne è il predecessore.
Uno, sin dagli albori abbiamo voluto che questo blog fosse impeccabile, ossia una maniera personale di narrare storie che non sentiamo così spesso quanto altre – storie di pratiche sociali ed ecologiche che costruiscono la cultura della sostenibilità, affinchè sia resa un po’ meno alternativa. Per questo, dal punto di vista della scrittura, mi sono sempre concentrata sulla qualità invece della quantità, magari rimettendoci nell’estetica generale del blog (che fa la sua!).
Due, per via dell’uno, ho spesso preso le cose sul personale fermandomi a pensare mille volte a ciò che scrivevo e cosa stavo facendo, ascoltando giudizi sull’apparenza del blog o sul fatto che “siamo ormai condannate/i come specie, e che t’importa?”, “dopotutto fai piu’ pubblico con una foto carina su fb o insta!”. E quindi queste litanie negative son diventate le mie, per lungo tempo, almeno nelle mie paure, facendomi indietreggiare dalla volontà di condividere un pò della nostra vita. Non che questo abbia fermato tante altre belle attività, però ha interrotto la storia (qui).
Tre, molto connesso al secondo come potete vedere, ho insinuato troppe cose e mi son messa sotto pressione senza nemmeno chiedere altre opinioni. Adesso, dopo molto lavoro, possiamo avere un nuovo blog. Bisogna solo decidere quando.
Quattro, non sapevo che se stai facendo del tuo meglio allora i primi tre accordi possono essere spezzati di tanto in tanto, senza sentirsi male o perse/i, che significa che un sacco di volte io e noi dimentichiamo di valorizzare i nostri sforzi e traguardi – essendo grate/i per ciò che abbiamo fatto o detto finora.

[eng] Here is what I think: as the previous phrase reflects the base statement of my PhD thesis (as in word and action that go hand in hand create sustainable change), let’s apply the 4A to this blog of Echoes of Ecologies that is its predecessor.
First, since the beginning I’ve wanted this blog to be impeccable, as in it was a personal way to narrate stories that we do not hear as often as others – stories of social and ecological practices to build up the culture of sustainability, in order to make it less alternative. For this reason, from the point of view of writing, I was always concentrated on quality over quantity, perhaps leaving behind aesthetics (which is needed too!).
Second, because of the first, I often took things personally and stopped too much to reflect on what I was writing and what we were doing, listening to judgments on the layout of the blog, or on the fact that “we are doomed anyway, and why do you care?”, “after all you have more audience with a nice picture on fb or insta!”. And so those negative litanies became mine, for quite some time, at least in my fears, which made me back up from the willingness to share some of our life. Not that this stopped many other beautiful activities, but it did interrupt the story (here).
Third, very connected to the second as you can see, I assumed way too many things and put myself under pressure without even asking for opinions. Presently, after much work, we can have a new blog. When just needs to be decided.
Fourth, I did not know that if you are doing your best then the first three agreements can be broken from time to time, without feeling lost or bad about it, which means that a lot of times I and we forget to value our efforts and achievements – being grateful for what we have done or said so far.

[ita] Ora, direi che ovunque fossimo dopo il Sud America I, che fosse Friuli, Sardegna o in viaggio, abbiamo fatto del nostro meglio per partecipare e diffondere realtà che rendono il mondo un luogo sostenibile. Ne sono consapevole e lo ripeterò per essere più decisa. Anche se è importante riconoscere che il nostro meglio varia a seconda degli impegni ed energie, la mia autocritica resta che avrei dovuto mantenere la storia attiva in narrazione. Dunque, se qualcosa ho imparato durante questo primo periodo di dottorato, trasferiamo le parole in azioni. Iniziamo da ciò che ho qui al momento: un blog che voglio usare per narrare le storie di cambio sostenibile che incontriamo nella nostra ricerca continua.
E’ successo tanto da quando viviamo a Brisbane, Australia. Cercare di ricordare tutte le attività e persone di sostenibilità degli ultimi 7 mesi sarebbe poco produttivo. Quello che posso fare invece è, a piccole dosi, recuperare alcuni eventi recenti che hanno aggiunto una goccia d’amore a questo mondo. Il resto arriverà.

[eng] Now, I reckon that wherever we were after South America I, was it Friuli, Sardinia or travelling, we did our best to be involved and spread the word on realities that make the world a sustainable place. I am aware of this and will repeat it to be more confident. Even though it is important to acknowledge that our best varies according to commitments and energies, my self-critique remains that I should have kept the active story telling in the blog. Therefore, if anything I did learn during this first PhD period, let’s transfer the words into actions. Let’s start with what I’ve got here at the moment: a blog that I want to use more steadily to narrate the stories of sustainable change that we come across in our ongoing research.
A lot has happened since we live in Brisbane, Australia. Trying to recall all activities and people of sustainability from the past 7 months in one blog post isn’t very productive. What I can actually do is recollect, little by little, some recent events that added a drop of love in the world. The rest will come.

[ita] Qualche venerdì fa, nel vibrante capannone di Food Connect (uno dei grandiosi progetti sul cibo a Brisbane), siamo state/i alla presentazioni del libro “A Foodie’s Guide to Capitalism” di Eric Holt-Giménez, scoprendo il movimento di Food First e l’importanza del ruolo che il sistema alimentare gioca nel riconoscere e risolvere I problemi del razzismo e disuguaglianza per affrontare la propria trasformazione strutturale.
Una settimana dopo, abbiamo visitato i Giardini botanici di Mount Coot-tha per un’installazione bioacustica per l’evento “Una pianta è una comunità”, sulla necessità di ascoltare le piante. Ho notato che quando ne parlavo con alcune persone, in diversi contesti, le loro face erano un po’ sorprese. Ascolare le piante?! Significa che devo avvicinare le orecchie all’erba ed aspettare una risposta? O dovrei abbracciare un albero per vedere se mi risponde in gratitudine? Ebbene sì. Probabilmente lo fanno. Eppure è molto più di questo. Nella mia ricerca di dottorato ogni giorno incrocio concetti che riguardano le relazioni tra umani e non umani e ciò che solitamente imparo è che a causa delle disuguaglianze in questi rapporti avviene molta della distruzione ecologica che vediamo nel mondo. Tornando alle piante: se pensiamo che grossi problemi come la deforestazione e l’estinzione di animali sono strettamente connessi al nostro rampante antropocentrismo, allora forse un pochino di antropomorfismo facilitirebbe le cose. Ciò che intendo è: se ci fermassimo a pensare che anche gli esseri non umani condividono alcune delle nostre caratteristiche come la comunicazione? Se pensassimo che le piante sì conversano tra loro con le radici ed elementi fungini, ci sentiremmo più piccoli in questo pianeta? Meno al di sopra ed unici, e più per terra e in una positiva dipendenza multispecie? Credo di sì, e per questo abbiamo apprezzato l’ascolto delle radici e la promozione di una consapevolezza vegetale, a Mt Coot-tha.
Quasi due settimane fa, attraverso il neonato gruppo Green the Street, abbiamo organizzato la quarta festa di “
pianta la tua aiuola”, con piante, persone e festeggiamenti (soprattutto dedicati all’arrivo di mamma e sorella dalla Sardegna!). Come il primo a settembre, è stato un gran bel momento di condivisione e una buona celebrazione. Così adesso abbiamo un banano di fronte a casa, un mucchio in più di umani con cui relazionarsi e una strada più verde. Piantare è quanto abbiamo detto, piantare è quanto abbiamo fatto.

[eng] A few Fridays ago, at the vibrant shed of Food Connect (one of Brisbane’s great food projects), we attended a talk on the book “A Foodie’s Guide to Capitalism” by Eric Holt-Giménez, where we discovered the movement of Food First and acknowledged the importance of the food system recognising and solving problems of racism and inequality to tackle its core structural transformation.
A week after, we visited the botanical gardens of Mount Coot-tha for a bioacoustics installation for the event of “A Plant is A Community”, on the necessity of listening to plants. I noticed that when I mentioned it to some people, in different contexts, their faces seemed quite surprised. Listening to plants?! Does it mean I have to put my ears close to the grass and wait for an answer? Or should I hug a tree and see if it replies in gratitude? Well, yes. Probably they do. Although is much more than this. In my doctoral research I daily come across concepts regarding human/non-human relationships and what I usually learn is that it’s because of the inequality of these relations that most of the ecological disruption happens in the world. Back to plants: if we think that major problems like deforestation and animal extinction are strictly connected with our rampant anthropocentrism, then perhaps a little bit of anthropomorphism will ease things up. What I mean is: what if we stopped to think that non-human beings also share some of our characteristics like communication? If we thought that plants do converse with one another through roots and fungal elements, would we feel smaller in this planet? Less above and unique, and more on the ground and in a positive multispecies dependency? I believe so, and that is why we appreciated the Mt Coot-tha’s root-listening and promotion of a vegetable-based consciousness.
Almost two weeks ago, through the newly born Green the Street group, we organised the fourth “Verge Planting Party”, which featured plants, people and celebration (above all dedicated to the arrival of mamma and sista from Sardinia!). Like the first one in September, it was a great sharing moment and amazing party. So now we have two beautiful verges, a banana tree in front of our house, a bunch more humans to relate with and a greener street. Quoting from the website: “verges are often un-used, sad and boring pieces of land in front of properties that often feature a footpath or postie route, but recently people have been taking to the streets of Brisbane to jazz their verges up. New council guidelines explain that you can now in fact plant out a certain depth into the verge from your property, essentially treating it like your own garden.” Planting is what we said, planting is what we did.


[ita]
Alla fine, questo racconto era solo un esercizio narrativo stile lista, come il libro sui 4A è stato solo una scusa per agire riguardo ad un sapere che è già in me. Siamo fatte/i di storie e viviamo di esse, che vengano da un libro, da una madre o un albero, la narrazione è già lì fuori, dobbiamo solo sintonizzarci. Questa è la mia frequenza.

[eng] In the end, this recollection was just a list-like recounting exercise, like the 4A book was just an excuse to act upon some knowledge that was already within me. We are made of stories and we live by them, whether from a book, a mother or a tree, the narration is already out there, we just have to tune in. This is my frequency.

Recording: live by Primitive Motion

Tre poesie for climate CHANGE!

Estinto
mi sento
d’istinto
come un orso
senza piu’
ghiaccio
che cola
sciolto
mi sento
senza piu’ prede
mancano
da inseguire
i sogni.

Extinguished
I feel
instinctively
like a bear
with no more ice
that dribbles
melted
I feel
with no more
preys
lack
of dreams to be chased.

Ieri pioveva
come la lacrima
della tristezza
attorno a noi
discesa.
Cielo sereno ieri.
Oggi nuvole, di un passato
che non se va.

Yesterday it rained
like the teardrop
of the sadness around us,
fallen.
Nice weather yesterday.
Today clouds, of a past
that goes not.

Lo sgomento che provo
a ritroso
nel mio covo
ristretto, ahi
ahi dolor
come il petto
in corsetto!
L’ammetto: pensai maledetto!

The confusion that I feel
in reverse
in my den
confined, ouch
ouch the pain
like a chest
in a corset!
I admit it: I had cursed!

Foto: Kea Minore. Laghi di Fusine, Friuli Venezia Giulia

the ecosystem of word

[ita] A Brisbane come a Sassari e Udine gli incontri per la multiculturalità e contro il razzismo sono regolari.
Voci su voci creano l’ecosistema della parola attiva.
Stiamo ascoltando? SVEGLIA con una nuova storia (di qualche settembre fa)!

“L’abbiamo chiamato Burek Tour, il nostro viaggio lungo i Balcani.

Siamo atterrati in Macedonia in una calda giornata ai primi di settembre. Lì abbiamo passato due giorni, uno a Skopje – città il cui mercato ortofrutticolo è più antico delle statue in centro, l’altro a Ohrid – lungo il lago attrazione di innumerevoli turisti alla ricerca del ‘tocco mediterraneo’ a basso costo. Il terzo giorno siamo arrivati in Albania, destreggiandoci tra il traffico di Tirana abbiamo scoperto con grande sorpresa quanto gli italiani abbiano in comune con gli albanesi, soprattutto nel cibo. Questo pensiero si è rafforzato a Shkoder, dove il centro storico poteva essere quello di qualsiasi città costiera italiana – solo con qualche moschea in più.

Andando in Montenegro il tempo ci ha voltato le spalle e con lui anche le nostre aspettative. Volevamo respirare l’ultima aria di mare prima dell’autunno… le spiagge le abbiamo trovate sì, ma con delle belle colate di cemento. Gli hotel bisognava pur piazzarli da qualche parte! Impossibile per le nostre tasche accedere a quel ‘lussuoso’ stile di vita. Ma chi cerca trova, no? L’ostello infatti aveva delle bellissime viti e rigogliosi alberi di kiwi.

Qualche notte dopo ci svegliamo troppo presto per i nostri piani e lasciati in mezzo alla strada provinciale vediamo due cartelli: Dubrovnik —> Sarajevo <—. Tre di notte. Eravamo arrivati a Mostar. Attraversare il famoso ponte di notte è tutt’altra emozione, vedere gli spari ancora impressi nelle case lo è di più. Strani sentimenti di dispiacere, rabbia e incredulità attenuati dall’oste chiacchierona dell’ostello in cui eravamo capitati. Solare come il paesaggio in cui ci trovavamo, da giovane faceva la danzatrice del ventre.

Anche Sarajevo ci ha accolti di notte, anche lì un ostello trovato per caso. Anche lì gli spari sui muri. Segni di una guerra così vicina – memoria di ciò che può accadere quando la convivenza non regge più, quando la paura subentra all’amore. Il luogo più bello del nostro viaggio, ma anche il più malinconico.

L’abbiamo chiamato Burek Tour perché il burek lo trovavi davvero dapperutto. A sud, a destra, a nord, a sinistra. Lo trovi spesso, fine, lungo, corto, arrotolato a chioccia o allungato a mò di flauto. L’abbiamo mangiato alle patate, agli spinaci, al formaggio fresco, al formaggio e cipolla, alla zucca – in tutti i modi in cui abbiamo potuto, per ricordarci ovunque andassimo che un tempo queste nazioni erano unite, qualcosa le ha divise e la pace non è certo stata naturale come mangiare. Adesso, dopo tanti confini e frontiere, il burek ha assunto nuove forme e ulteriori sapori. Ogni nazione vanta il proprio come il migliore o l’originale, ma credeteci… sono tutti buoni!”

[eng] In Brisbane like in Italy the gatherings for multiculturalism and against racism happen on a regular basis.
Voice after voice creates the ecosystem of the active word. Are we listening? WAKE UP to another story!

Itadakimasu

[ita] Penso sempre troppo, aspettando l’ispirazione giusta e il tempo passa, mentre le parole riposano nel diario in attesa di venire a galla. Dal nostro ultimo viaggio in Sud America _ ci siamo ormai trasferiti in Australia (chi ci conosce bene ricorderà che era il nostro obiettivo e ce l’abbiamo fatta!) _ a volte mi rendo conto che non vi abbiamo mostrato per bene cos’altro abbiamo fatto a parte filmare/documentare, va ben. Inoltre, voglio anche condividere le bellissime esperienze vissute in Italia, diciamo da qualche anno a questa parte_ahah!_e so che il momento sarà presto maturo per farlo. Tuttavia, la narrazione non averrà cronologicamente poiche questo comporterebbe ulteriori posticipazioni alla scrittura del blog. Adesso è ora e sento che lo devo vivere mentre sta esistendo. Ecco perché invece vi racconto la storia di come abbiamo trascorso questo primo periodo di vita australiana.
Se c’è una cosa che non facciamo abbastanza è ringraziare le persone che si prendono cura di noi. Col solstizio d’inverno alle spalle, mi pare giusto far largo al sentimento del rendere grazie.

[eng] Always thinking too much, waiting for the right inspiration and time goes by, whilst all those words lie in my diary waiting to float to the surface. Since our last travel in South America _ we moved to Australia (for those who know us well, you might remember that it was our aim and we made it!) _ I sometimes realise that we haven’t properly showed you what we did other than filming/documenting, oh well. Besides, I still mean to recollect all the beautiful experiences we had in Italy, since a couple of years back_haha!_and I know that the moment will be soon ripe for it. Nevertheless, the narrative will not be chronologically ordered as this would only bring procrastination to the blogging. Now is now and I feel like living it fully while it still exists. That is why here is the story of how we spent this first period of adaptation to this new Australian life.
If there is one thing that we don’t do enough is consciously saying ‘thank you’ to those who care for us. Right after the winter solstice, it feels good to give room to this thankful sentiment.


[ita] Tutto ebbe inizio con dei messaggi, da un continente all’altro, dall’Italia a persone casuali nei gruppi di agricoltura urbana e permacultura di Brisbane, dove ci dovevamo trasferire. Tra le varie risposte, ci fu un signore che scrisse in maniera simpatica. Il suo nome è Green Dean (che ora sappiamo essere coinvolto in molte attività legate alla sostenibilità, come il Mini Farm Project per coltivare cibo biologico per i/le senzatetto) e fu lui ad indicarci la fattoria urbana di Rell e famiglia. L’abbiamo contattata: ottimo! Ci dice che potevamo passare una settimana o giù di lì, facendo del volontariato nel loro orto mentre cercavamo una casa in affitto. Fantastico! Finora per noi questo modo di viaggiare funziona bene: lavoriamo un po’ per aiutare chi ci ospita in qualcosa a cui tengono (che di solito riflette le nostre passioni), in cambio di un buon posto in cui sentirsi a casa. Circolano pochi soldi, si costruscono relazioni.
Nel frattempo la vita accade.
La partenza si avvicinava, le aspettative e l’immaginazione crescevano attorno a queste persone che erano gia state cosi gentili verso di noi con le loro parole. Ad aprile, siamo arrivati e ci siamo trasferiti da Rell, Viv e Oscar. Li abbiamo conosciuto altri due volontari – Benji dalla Germania e Dennis dalla Corea del Sud (che miscuglio! Vi vogliamo bene!!). Abbiamo condiviso il tempo e lo spazio con i gatti Alex e Jimmy, il cane Charlie, la capra Maggie, le galline, le quaglie, i pesci – i cui nomi probabilmente esistono, ma ancora non so. Senza dimenticare gli alberi, le piante ed i fiori…

[eng] It all started with messages sent from one continent to another, from Italy to random people within urban agriculture and permaculture groups in Brisbane, where we had to move. Among some replies, one man wrote back in a really warm way. His name is Green Dean (who we later discovered is highly engaged in many sustainability-related activities, e.g. The Mini Farm project growing organic food for homeless people) and he pointed us to Rell and her family’s urban farm. We contacted her: all good! We could come to spend a week or so, volunteering in her garden while we looked for a place to rent. Perfect! So far, this travelling method has been working nicely for us: work some time to help the hosting people with something they care about (which usually also reflects our passions), in exchange we get somewhere good to feel home. Little money is involved,
relationships are built.
Meanwhile life happens.
As our departure approached, expectations and imagination grew around these people who had already been so kind in their words to us. In April, we arrived and moved into Rell, Viv and Oscar’s home. There we met two more helpers – German Benji and South Korean Dennis (what a mix! We love you!). We shared our time and space with Alex and Jimmy the cats, Charlie the dog, Maggie the goat, and chooks, goose, quails, fish – which names probably exist but I don’t know yet. Not to mention the trees, plants and flowers…


[ita] Come ho detto, dovevano essere un paio di giorni… invece siamo rimasti quasi un mese con questi speciali esseri umani e non. In questo periodo sono state portate avanti tante attività, in particolare il nostro aiuto è andato nella creazione dell’orto autunnale con quante più verdure potevamo infilare nei bancali; abbiamo sparso fiori qua e là e decorato le nostre vite con il contributo di tutti/e. Non posso esprimere abbastanza quanto ci manchi svegliarci a suon di gallo che canta il sole mattutino, andare scalzi/e nell’orto ancora bagnato dalla notte o raccogliere i limoni freschi per una tiepida bevanda di limone e miele per il risveglio. E nemmeno le nostre belle frasi possono racchiudere il senso d’affetto e gratitudine che proviamo per la nostra cara famiglia australiana __ che ci ha trattati/e così bene da non poter pensare a loro senza avere le farfalle nello stomaco – specialmente quando ricordiamo i numerosi ‘itadakimasu’ prima dei pasti.

[eng] Like I said, it was supposed to be just a few days… instead we ended up spending almost one month with these wonderful human and non-human beings. Over this period many activities were carried on, in particular we helped create the autumn garden with as many veggies as we could possibly fit in the raise beds, spread some flowers here and there and decorated our lives with each other’s contributions. We cannot emphasise how much we miss waking up to the sound of the cock singing the early sun, going barefoot into the garden still wet from the night or picking fresh lemons for a warm honey & lemon waking up drink. Nor could our nice phrases embed the sense of affection and gratitude that we feel for our Aussie Brissy family, who has treated us so well that we cannot think about them without having butterflies in our stomachs – especially when it comes to remembering the numerous ‘itadakimasu’ before all our meals.


[ita] Da oltre un mese ci siamo trasferiti nella nostra nuova casa (di nuovo, grazie a Benji che ci ha aiutati/e a trasportare mobilia varia e ha fatto di tutto con noi/per noi!). Stiamo espandendo la rete di contatti, stabilendo alcune buone abitudini vitali e conoscendo i/le nostri vicini/e di comunità. Soprattutto, Rell e Viv si sono sposate e abbiamo avuto la possibilità di partecipare al loro bellissimo matrimonio in cui tutti/e hanno potuto augurare il più sincero amore a questa grande famiglia. È proprio l’amore che ci rende una sola cosa. È l’amore che ci fa avere fiducia negli/nelle altri/altre, aiutandoli/e e prendendocene cura, al di là delle distanze interne ed esterne. Infatti, è quando siamo nel cerchio dell’amore e del dono che tutto combacia_che tutto va un po’ meglio.

[eng] It’s been more than a month since we moved into our new place (again, thanks to Benji who helped us gather various pieces of furniture and did all sorts of things with/for us!). We have expanded our web of connections, established some good living habits and met our community neighbours. Most importantly, Rell and Viv got married and we had the possibility to attend their beautiful wedding where we could all wish this great family the whole of our love. Love is indeed what makes us one. It is love that makes us trust others, helping and caring for them, in spite of inner and outer distances. In fact, when we are in the circle of love & gift, everything fits together. Everything works a little better.

 

World Refugee Day_We are all in the same boaT

[ita] Si dice che sono le piante ad avere radici, ma le persone no e per questo si muovono… eppure, pensandoci bene, anche le piante muovono le proprie radici e non necessariamente nella terra. A volte vivono a galla nell’acqua per mesi, a volte sono alghe. Altre volte vivono, come le epifite, sui tronchi e rami di altre piante… vengono chiamate aeree perché si muovono verso una posizione migliore, come le persone. Da sempre.

[eng] We say that plants have roots, but people have not and that is why we move… and yet even plants move their roots and not necessarily in the earth. Sometimes they float in the water for months, sometimes they are seaweed. Some other times, like epiphytes, they live on other plants’ trunks and branches… they are called aerial because they move looking for the best spot, like people. Since forever.

[esp] Se dice que las plantas tienen raices y las personas no, por eso movemos… sin embargo, las plantas también mueven sus raices y no solamente en el suelo. A veces viven flotando en el agua por meses, a veces son algas. Otras veces, como las epífitas, viven sobre los troncos o ramas de otras plantas… se llaman aéreas porqué se mueven hacia una posición mejor, como las personas. Desde siempre.

Si spande l’odore d’alloro
del sapone
di Aleppo.
Alloro? Io lo pensai,
io lo feci.
Nei miei pensieri creata
l’essenza di un qualcosa
che non so.
Conosco il sapone quanto
Aleppo.
La città? Io la immagino,
io la individuo
dentro un cielo di bombe
che cadon come bolle.
Spreading the smell of laurel
soap of Aleppo.
Laurel? I thought of it,
I made it.
Created in my thoughts
the essence of something
I know not.
I know the soap as much as
Aleppo.
The city? I imagine it,
I place it
inside a sky of bombs
that fall like bubbles.

Como el Agua, poesimmagine

Sulla mano mi è caduta una goccia di pioggia,
attinta dal Gange e dal Nilo,

dalla brina ascesa in cielo sui baffi d’una foca,
dalle brocche rotte nelle città di Ys e Tiro.

Sul mio dito indice
il mar Caspio è un mare aperto,

e il Pacifico affluisce docile nella Rudawa,
la stessa che svolazza come una nuvoletta su Parigi

nell’anno settecentosessantaquattro
il sette maggio alle tre del mattino.

Non bastano le bocche per pronunciare
tutti i tuoi fuggevoli nomi, acqua.

Dovrei darti un nome in tutte le lingue
pronunciando tutte le vocali insieme

e al tempo stesso tacere – per il lago
che non è riuscito ad avere un nome

e non esiste in terra – come in cielo
non esiste la stella che si rifletta in esso.

Qualcuno annegava, qualcuno ti invocava morendo.
È accaduto tanto tempo fa, ed è accaduto ieri.

Spegnevi case in fiamme, trascinavi via case
come alberi, foreste come città.

Eri in battisteri e in vasche di cortigiane.
Nei baci, nei sudari.

A scavar pietre, a nutrire arcobaleni.
Nel sudore e nella rugiada di piramidi e lillà.

Quanto è leggero tutto questo in una goccia di pioggia.
Con che delicatezza il mondo mi tocca.

Qualunque cosa ogniqualvolta ovunque sia accaduta,
è scritta sull’acqua di babele.

(Woda) L’acqua, Wisława Szymborska


Filtro purifica acqua domestica. Immagine di Lucas Ciola (Sâo Paulo, Brasil)
per gentile concessione

Raccontare la diversita’ alla Casa dei Semi della Sardegna

Volantino ottenuto dalla Casa dei Semi della Sardegna  /  Acknowledgment to the House of Seeds in Sardinia /  Reconocimiento a la Casa de las Semillas en Cerdeña
Raccontare la diversita’  /  Telling diversity  /  Contando la diversidad

Se vi dovessi raccontare cosa e chi è la Casa dei Semi della Sardegna, vi parlerei sicuramente del nostro ultimo incontro, quando il 18 febbraio scorso ci siamo visti in occasione di Fare la diversità_una giornata dedicata allo scambio di semi e per imparare a giocare con essi attraverso i miscugli.

Se ve lo raccontassi, certo vi descriverei un gruppo di persone appassionate, sparpagliatesi da vari angoli dell’isola per formarsi all’ombra degli ulivi, nel Montegranatico di Domusnovas Canales.

Vi direi che il motivo stimolante alla riunione fu la visita di Germana, una coltivatrice dell’associazione Campi Aperti in Emilia Romagna, a noi venuta per condividere la sua esperienza con i miscugli dei semi di orzo, zucchine e pomodoro.

Ci terrei a farvi immaginare quanta dedizione e preparazione ci siano volute per incanalare le energie che scambiano le sementi con le idee… sorridendo, vi parlerei di tutto il ben dell’universo che ad ogni incontro danza su tavolate sempre allegre ed accoglienti_ di quella casetta colorata, a foglie verdi, nel cui giardino ora abitano nuovi alberi a ricordo di padri che non ci son più_ della poesia da un figlio della casa_ dei bambini che giocano sudati_ delle chiacchiere e scoperte. E di quelli che russavano, rotolati nel sonno di un sacco a pelo, dopo un’intensa giornata di studio e partecipazione, in preparazione.

Così magari capireste che “sono qui insieme a me ed è come avere una famiglia più grande…” (Maurizio Fadda, 2018).

E se invece foste stati/e tutti/e lì? Fermandosi ad ascoltare: cosa avreste sentito? Ognuno comunque un’emozione diversa. E raccontandole poi? Una non avrebbe escluso l’altra_sarebbero state tutte incluse, tutte vere. Come dice Germana, memore dell’insegnamento del genetista Ceccarelli, “valgono sia la salvaguardia dei semi antichi, sia la sperimentazione con i miscugli”, l’importante è trovare l’equilibrio per mantenere la diversità. Selezionare sì, tenendo sempre presente che anche le varietà più deboli aiutano – soprattutto nella creazione di un miscuglio – a donare specificità e specialità. È questa la più grande lezione che si apprende dai semi: maggiore la biodiversità, meglio è.

Allora, come promuovere la diversità della vita? Ebbene, facendola! Diventando coltiva-attori e coltiva-attrici = persone che hanno cura di fare. Ecco che in agricoltura questo si evolve spontaneamente in agroecologia ovvero in pratiche di coltivAzione che mutuamente interagiscono con gli ecosistemi in cui si sviluppano.

E come si collabora all’ecologia agricola, se proprio chi coltiva ha quasi scordato l’auto-conservazione/auto-riproduzione delle sementi? Riprodurre il seme è l’atto magico che racchiude la vita. Magia che non può essere ridotta all’acquisto di bustine di semi sconosciuti. Rigenerare la conoscenza è alla base della vita. È lei che, se vogliamo, ci porta alla coscienza_all’essere consapevoli che senza sovranità alimentare non v’è indipendenza e che per sovranità s’intende la libertà di autogestione almeno dell’atto primo che genera la nostra energia.

UN SEME-DUE SEMI, MIGLIAIA DI SEMI, CHE FANNO LA DIVERSITA’ DI TUTTO QUANTO RIUSCIAMO A VEDERE E SENTIRE ATTORNO A NOI.

Se vi raccontassi questo sulla Casa dei Semi?

Voi comunque ascoltereste una storia diversa